LA DIAGNOSI MEDICA

Il nostro 1° elemento: una corretta diagnosi è ossigeno per la tua salute.

La diagnosi è fondamentale per capire cosa dobbiamo curare e non sempre ciò è semplice o immediato: molte patologie infatti sono misconosciute o tendono ad essere confuse con altre. Il medico è l’unica e la sola figura di riferimento per questa fase.

Solo il medico ha l’autorità e il compito di individuare la patologia attraverso una valutazione clinica ed eventuali esami strumentali. Tutti gli altri profili sanitari o para-sanitari (ad es. il fisioterapista, l’osteopata, il laureato in scienze motorie ecc.) possono e devono eseguire prestazioni solo su indicazione di un medico specialista e non possono in nessun caso formulare una diagnosi, sia per un discorso normativo sia per una mancanza di conoscenza e competenza generale in medicina.

Il medico ha il dovere di consultarsi con altri specialisti che possano aiutarlo a sciogliere dubbi o perplessità sulla diagnosi fatta. È tenuto a definire una diagnosi e un piano di cura ma, soprattutto, è chiamato a seguire e a gestire tutte le fasi di questo piano di cura, intervenendo prontamente sulla base della risposta fisica del paziente.

In alcuni casi il medico può ritenere corretto prevedere nel percorso di cura una terapia farmacologia o l’utilizzo di integratori. Non si tratta di ricorrere al “take your pills” ma semplicemente di sfruttare appieno tutti gli strumenti di cura, di bilanciarli e di renderli il più possibile specifici per l’esigenza clinica del paziente.

Chi si occupa del 1° elemento?

Solo il medico specialista può effettuare una diagnosi.
1° elemento

Second Opinion

La Second Opinion è un servizio dedicato a tutte quelle persone che hanno ricevuto una diagnosi e che, prima di sottoporsi ad interventi chirurgici o terapie, scelgono di affidarsi al parere degli Specialisti del Network Top Physio.

I nostri 5 elementi

Richiedi informazioni

LA DIAGNOSI MEDICA

Il nostro 1° elemento: una corretta diagnosi è ossigeno per la tua salute.

La diagnosi è fondamentale per capire cosa dobbiamo curare e non sempre ciò è semplice o immediato: molte patologie infatti sono misconosciute o tendono ad essere confuse con altre. Il medico è l’unica e la sola figura di riferimento per questa fase.

Solo il medico ha l’autorità e il compito di individuare la patologia attraverso una valutazione clinica ed eventuali esami strumentali. Tutti gli altri profili sanitari o para-sanitari (ad es. il fisioterapista, l’osteopata, il laureato in scienze motorie ecc.) possono e devono eseguire prestazioni solo su indicazione di un medico specialista e non possono in nessun caso formulare una diagnosi, sia per un discorso normativo sia per una mancanza di conoscenza e competenza generale in medicina.

Il medico ha il dovere di consultarsi con altri specialisti che possano aiutarlo a sciogliere dubbi o perplessità sulla diagnosi fatta. È tenuto a definire una diagnosi e un piano di cura ma, soprattutto, è chiamato a seguire e a gestire tutte le fasi di questo piano di cura, intervenendo prontamente sulla base della risposta fisica del paziente.

In alcuni casi il medico può ritenere corretto prevedere nel percorso di cura una terapia farmacologia o l’utilizzo di integratori. Non si tratta di ricorrere al “take your pills” ma semplicemente di sfruttare appieno tutti gli strumenti di cura, di bilanciarli e di renderli il più possibile specifici per l’esigenza clinica del paziente.

Chi si occupa del 1° elemento?

Solo il medico specialista può effettuare una diagnosi.
1° elemento

Second Opinion

La Second Opinion è un servizio dedicato a tutte quelle persone che hanno ricevuto una diagnosi e che, prima di sottoporsi ad interventi chirurgici o terapie, scelgono di affidarsi al parere degli Specialisti del Network Top Physio.

I nostri 5 elementi

Richiedi informazioni